Vai al contenuto

Yung Jake: l’artista che realizza ritratti con le emoji

Yung Jake, digital art, emoji

Oggi 17 luglio è la giornata mondiale dell’emoji, quindi l’occasione perfetta per parlarti di Yung Jake!

Le emoticons ormai fanno parte del nostro quotidiano. Le usiamo nei messaggi, sui social, qualcuno addirittura se le tatua. Yung Jake, invece, ha deciso di usarle in modo creativo.

Yung Jake, artista contemporaneo
©TheNewYorkTimes

Ma partiamo con ordine. Chi è Yung Jake?

Jake Patterson, in arte Yung Jake, è un artista originario di Los Angeles. 

Dopo essersi diplomato nel 2012 al California Institute of Arts (CalArts) si affaccia al mondo musicale. 

Infatti, dal 2008 il rapper condivide la sua musica su YouTube, ma non è stato questo a  renderlo noto al grande pubblico! 

Il boom l’ha avuto sui social tramite quella che si può definire “digital art”.

Grazie ad emoji.ink, un’applicazione sviluppata dal un suo amico e socio Vince McElvie, nel 2015 ha iniziato a realizzare le sue opere d’arte digitale

Invece delle pennellate di colore lui decide di accostare le emoji, dando così vita ai ritratti delle star.  

Yung Jake, Olivia Rodrigo
Yung Jake, Olivia Rodrigo

Jake ha dichiarato di aver iniziato a “dipingere” per caso. Mandava i risultati ai suoi amici e attraverso il passaparola si è ritrovato in poco tempo ad essere noto sui social. Attualmente su Instagram ha 222 mila di followers!

Nel 2017 ha addirittura inaugurato la sua prima mostra, intitolata “Emoji Portraits”, alla Tripoli Gallery di Southampton a New York.

Yung Jake, Cara Delevigne
Yung Jake, Cara Delevigne

Per dar vita ai volti di personaggi come Cara Delevigne, David Bowie e Ariana Grande (sono solo alcuni nomi) sfrutta tutte le emoji possibili: dalle manine che salutano per realizzare la pelle fino ai ragni per i capelli. 

Yung Jake però si avvale di tutte le possibilità messe a disposizione dal mondo digitale. Infatti, continua a realizzare anche videoclip come “Unfollow”, che si può vedere sul canale YouTube del MOCA (The Museum of Contemporary Art).

Il video è incentrato sull’essere perseguitati dalle ombre del passato, quelle di una relazione ormai conclusa, e sull’abbondanza e l’accessibilità dei social media. Il pulsante “Unfollow”, secondo l’artista, è l’unico strumento che abbiamo per superare tutto e andare avanti, anche se le immagini in qualche modo ci vengono comunque riproposte. 

Jake con questo video ci fa riflettere su quanto, al giorno d’oggi, sia difficile sfuggire alle informazioni/immagini indesiderate.

E tu lo conoscevi? Cosa ne pensi?

Francesca B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *